Luigi Di Maio sperava di spiazzare avversari, ed elettori, con l’annuncio a sorpresa di proporre il generale dei carabinieri, Sergio Costa, come prossimo ministro dell’Ambiente. Quel che ha ottenuto il grillino è stato però solo un moto generale di indignazione per aver tirato in ballo un ufficiale