La donna, con alcuni blitz, aveva fatto sparire tutti gli arredi e i centrini dell’altare maggiore di Conegliano