“Su Rousseau votiamo no”. Fronda dei Cinque Stelle contro il governo col Pd

L’accordo col Pd è un “errore madornale”. Ne è convinto Davide Barillari, consigliere grillino della Regione Lazio, che non intende fondersi con i piddini. E spera ancora in un’inversione di rotta, che impedisca un governo giallorosso. Ma non è l’unico a sperarlo tra i grillini: un gruppo di 5Stelle, soprattutto a livello regionale, infatti, non appoggia la scelta di Luigi Di Maio.Il motivo? “Già l’ accordo con la Lega ci aveva messo di fronte a compromessi difficili da mandare giù, con il Pd sarà ancora peggio”, sostiene Barillari, in un’intervista a Libero. La paura maggiore è che a livello nazionale succeda “quello che è accaduto qui nel Lazio, dove un tentativo di dialogo con Zingaretti, governatore senza maggioranza, c’è già stato nel 2018 ed è stato un fallimento. Ha tradito tutte le promesse, portando avanti politiche opposte alle nostre”.E Barillari non sarebbe l’unico a pensarla così: “Siamo in tanti- dice- e abbiamo aperto una riflessione e siamo in attesa di vedere quale sarà l’esito della consultazione su Rousseau”. Poi si deciderà “se restare oppure no” nel Movimento. È probabile che sulla piattaforma vinca il sì, ma l’appello dei grillini guidati da Barillari per il no. In ogni caso, in base al risultato “deciderò se continuare a combattere dall’interno o se tornare al mio vecchio lavoro”, ma il consigliere pentastellato si augura che “il Movimento esca dalla fase adolescenziale in cui si trova, dobbiamo crescere senza smarrire noi stessi”.

(c) La Voce di Treviso è un progetto di TermoPix Testata telematica
non soggetta all’obbligo di registrazione (art. 3-bis L. 16 luglio 2012, 103
in materia di semplificazioni per periodici web di piccole dimensioni.
Contatti: [email protected] - Piazza Trentin (TV).

.

.

.

.