12.57
Luca Traini, arrestato dopo gli spari e il ferimento in strada di 6 persone a Macerata, ai Carabinieri che lo avevano fermato ha detto di avere agito per una “azione personale”, “sconvolto dalle modalità brutali con le quali è stata uccisa Pamela”.
In un primo momento, ha spiegato il procuratore Giorgio, Traini ha pensato di uccidere il fermato Oseghale in Tribunale, poi avrebbe cambiato idea, sparando contro ogni persona di colore incontrata lungo la strada, contro la sede del Pd e contro alcuni negozi.