La “consensite” non è inguaribile. Ma va presa per quello che è: una malattia grave della democrazia italiana, giunta al suo picco epidemico come mai era accaduto nella storia repubblicana. La prima cosa da fare è scongiurare il suo subdolo contagio, per il quale le vittime, credendo di proteggersi