Renzi ora attacca il M5s: ‘Non siete più al Vaffa-day’

“Per favore: non facciamoci ridere dietro da mezza Europa. I vincoli dell’Unione europea non c’entrano nulla. Il ponte crolla in Italia, non a Bruxelles. Le opere pubbliche in Italia sono bloccate dai ritardi della burocrazia e dai veti di chi dice sempre no, dalla “comitatite”. La flessibilità per fare le opere pubbliche c’è già. Bisogna fare ciò che è progettato e per i quali progetti i soldi ci sono già. A cominciare dalla Gronda, ma proseguendo con tutti gli impegni già presi dalla Tav agli aeroporti, dalle strade siciliane alle ferrovie calabresi”. È quanto scrive il senatore del Pd, Matteo Renzi, su Facebook. L’ex premier attacca poi duramente Toninelli: “Da quando Toninelli è ministro, tutti i grandi progetti sono stati bloccati. Se si bloccano i progetti, l’Italia crolla. Ed è ridicolo che il Movimento 5 Stelle si affanni a cancellare dal web (impossibile, peraltro) ogni traccia delle proprie contraddizioni. Dicevano no alla Gronda e definivano l’ipotesi del crollo del Morandi una “favoletta”. Non è una “favoletta”, è una tragedia. Lo capite che adesso siete al governo, non più al Vaffa-day?”.