Dopo tanto parlare e l’apertura di un fascicolo contro ignoti per sequestro di persona, arriva una denuncia vera e propria. Salvini ha già detto che, qualsiasi cosa accada, lui sul caso Diciotti va “avanti” e non si “ferma”. Difficile dunque immaginare che la denuncia depositata da un gruppo di cinque cittadini trevigiani per “istigazione all’odio razziale”, aggravato dalla posizione di ministro della Repubblica, possa davvero preoccuparlo. Ma tant’è.Tra i denuncianti ci sono anche Said Chaibi, ex consigliere comunale a Treviso e Renato Zanivan, ex segretario cittadino di Sel. Il gruppo pensa che la frase “è finita la pacchia” detta dal ministro dell’Interno a Vicenza poco dopo la sua nomina al Viminale abbia un qualcosa di razzista. Nel dossier sono state riportate le frasi su cui si concentra la denuncia dei trevigiani. Si va da “Gli immigrati che campeggiano qui a pranzo e cena sono evidentemente troppi” a “Per gli immigrati clandestini è finita la pacchia, preparatevi a fare le valigie, in maniera educata e tranquilla, ma se ne devono andare”, passando per “Gli immigrati hanno mangiato abbondantemente alle spalle degli altri per troppo tempo” fino a “una ricognizione sui rom in Italia per vedere chi, come, quanti rifacendo quello che fu definito il censimento, facciamo un’anagrafe”. Non poteva mancare ovviamente quel “I rom italiani purtroppo te li devi tenere a casa” e via dicendo. Secondo i firmatari della denuncia Salvini avrebbe rilasciato dichiarazioni “di contenuto discriminatorio e razziale” definendo “in modo palesemente diffamatorio la condizione dei richiedenti asilo che raggiungono l’Italia” e “promuovendo l’ostilità dei cittadini italiani nei confronti di tali persone”. Mentre il censimento per i rom avrebbe “istigato, fomentato, promosso e incoraggiato la denigrazione, l’odio e la discriminazione nei confronti della minoranza ‘rom’ in Italia”, violando così “ripetutamente” la legge Mancino.