Studio sui ratti, tra ipotesi l’alterato squilibrio ormonale