Si chiamano Monsif Tadil, Wadia Mankouh e Khalid Hajibi i tre marocchini arrestati dai carabinieri a Castellaneta Marina, un Comune in provincia di Taranto. Hanno rispettivamente 27, 24 e 23 anni. Sono tutti senza fissa dimora e irregolari sul territorio italiano. Sono finiti in manette con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. I militari, durante un servizio finalizzato alla prevenzione e alla repressione dei reati e alla vigilanza sulla circolazione stradale, hanno intimato l’alt ad una Nissan Primera ma gli occupanti, al fine di eludere il controllo, non si sono fermati. Hanno poi abbandonato il veicolo dileguandosi a piedi nelle campagne circostanti. La fuga, però, è durata poco per i tre.Sono stati subito rintracciati, bloccati ed identificati dai carabinieri. Sono stati condotti in caserma e arrestati dopo le formalità di rito su disposizione dell”autorità giudiziaria. Ora si trovano nella casa circondariale di Taranto. L”autovettura, priva della copertura assicurativa, è stata sottoposta a sequestro amministrativo.