Migranti, la svolta di Salvini: chiusi tutti i porti italiani

Molti si attendevano una svolta. E, forse, è quello che davvero dovrebbe accadere. Matteo Salvini sarebbe pronto a chiudere i porti italiani alle Porti italiani chiusi.Secondo quanto scrive Repubblica, infatti, la nave con 600 migranti che in qyeste ore sta trasportando gli ultimi soccorsi in queste difficili ore in mare potrebbe non esseer autorizzata ad atraccare in un porto italiano. La svolta senza precedenti avrebbe avuto il via libera di Conte ma anche del ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli. Tra poche ore la nave battente bandiera di Gibilterra transiterà per le acque di Malta. Se l”isola-Stato non accetterà di prestare soccorso come spesso avvenuto in questi ultimi anni, ebbene i porti italiani chiuderanno i battenti e la nave (in questo momento a 40 miglia dalle coste più vicine) non verrà fatta attraccare nei porti italiani.Mille soccorsi in un giornoLe acque del Mediterraneo tornano dunque a trasformarsi nel principale scenario politico nazionale e internazionale. Oggi sono 627 i migranti salvati da sei diverse operazioni di soccorso. Ben 123 di questi sono minori. Un boom di partenze che desta qualche sospetto. Secondo alcuni analisti, infatti, la Libia starebbe inviando messaggi al nuovo esecutivo per testare la tenuta degli accordi presi da Marco Minniti. E, forse, per cercare di ottenere qualche concessione (e soldi) in più.Matteo Salvini, da pochi giorni al Viminale, ha così dovuto affrontare ieri il primo sbarco della sua Era al governo. Tra ieri e oggi il contatore parla di mille immigrati in arrivo. Alcuni sono già sbarcati, altri potrebbero arrivare nei prossimi giorni. A meno che, ed è questa la vera novità, l’Italia non decida davvero con Salvini e Toninelli di mostrare la paletta rossa alle Ong. Sia chiaro. Il governo non ha fatto mancare le sue risorse per salvare i profughi. Insieme a tre mercantili e alla Aquarius della Ong Sos Mediterranée, a recuperare disperati tra le onde l’Italia ha spedito tre motovedette della Guardia Costiera di stanza a Lampedusa. Tutti i migranti sono poi stati fatti salire sulla Aquarius che ora naviga senza una direzione precisa. Tra poco dovrebbe entrare nel raggio di azione di Malta. Ed è a quel punto che le carte in tavola potrebbero essere sparigliate da Salvini. “Se qualcuno pensa che si ripeterà un”estate con sbarchi – aveva detto ieri il vicepresidente del Consiglio – senza muovere un dito, non è quello che farò come ministro. Non starò a guardare”.