La condizione del Partito democratico è obiettivamente difficile e a prendersela con il segretario provvisorio Maurizio Martina sembra di sparare sulla Croce rossa. Tuttavia si fatica a sottrarsi all’impressione che Martina sia vittima di una specie di sindrome di Stoccolma. Quando parla del “nodo d