Intorno alle diciotto – sembra quasi un gioco di parole – Laura Boldini è salita a bordo della nave Diciotti. E come lei tanti altri della Sinistra “buonista” hanno fatto la loro sfilata.L’ex presidente della Camera dei deputati ha voluto fare la sua comparsata per vedere sì come stavano i 150 migranti a bordo della nave, ma anche – o forse soprattutto – per poter attaccare per l’ennesima volta Matteo Salvini e la sua politica. Infatti, non appena scesa dalla Diciotti ha lanciato un appello al vice premier: “Spero che almeno che le donne possano sbarcare. Sono 11. Mi rivolgo al ministro Salvini. Che usi buon senso e che per lo meno faccia sbarcare queste 11 donne che hanno bisogno di cure ed assistenza”. Quindi, dopo i 29 minorenni sulla Guardia Costiera, la Boldrini chiede che anche le donne possano scendere “soffrono di problemi anche ginecologici”.E dopo l’appello al ministro Salvini, l’ex presidente della Camera dei deputati prega che tutti i migranti vengano fatti sbarcare dalla Diciotti e “poi si tratta la distribuzione eventuale di queste persone a terra”. Ma non finisce qui l’intervento della Boldrini che si allinea al pensiero degli altri buonisti della Sinistra: “Non si può sequestrare una nave non si può sequestrare un equipaggio, non si possono sequestrare naufraghi, questa è una cosa che è contro il nostro ordinamento, contro la nostra costituzione”.E dopo queste premesse e dopo il suo punto della situazione sulla nave Diciotti, la Presidente passa all’attacco di Matteo Salvini. “Trovo tutto questo raccapricciante per un Paese come il nostro che è sempre stato rispettato per essere un Paese che sul diritto non è stato mai secondo a nessuno. Questo braccio di ferro e veramente miserabile, sulla pelle dei più vulnerabili. Ma che eroe è quello che si accanisce con i più deboli? Ma come ne esce? Come una persona spietata, confusa, che non sa come fare perché di fatto si è incartato da solo”.Ma il vice premier e il governo tirano dritto. Aspettano risposte dall’Unione Europea, altrimenti i 150 immigrati a bordo della nave Diciotti non toccheranno suolo italiano.