La Lazio di Simone Inzaghi non approfitta dell'ennesimo pareggio stagionale dell'Inter di Spalletti e perde la grande occasione per allungare in classifica. I biancocelesti sono stati sconfitti per 2-1, in casa, dall'ottimo Genoa dell'ex Ballardini che ha disputato una buona gara. La Lazio è parsa un po' stanca e le assenze, per squalifica di Lulic e Milinkovic-Savic hanno pesato e non poco sull'economia del match. Nonostante la sconfitta la Lazio resta terza a quota 46 punti, mentre il Genoa sale a quota 24.Il Genoa parte subito forte all'Olimpico ma è la Lazio ad aver la prima ghiotta occasione per segnare con Luis Alberto che però svirgola la conclusione all'11. Al 25' rispondono i rossoblù con Hiljemark con un destro che però non inquadra la porta. Al 34' de Vrij anticipa Hiljemark che si stava presentando a tu per tu con Strakosha, mentre al 37' Luis Alberto fa tremare Perin con un destro che finisce vicino all'incrocio dei pali. Laxalt al 40' si divora il gol del vantaggio e così si chiude il primo tempo.Nella ripresa la Lazio chiude il Genoa nella propria area nei primi 8 minuti con Lucas Leiva che al 53' sfiora il palo alla destra di Perin. Due minuti dopo però Pandev segna il classico gol dell'ex bucando Strakosha con un destro lento ma preciso che si va ad infilare all'angolino. Passano solo 4 minuti, però, e Parolo la rimette a posto con un bel sinistro al volo su assist di Caceres. La Lazio spinge e Lukaku al 76' ha una grande chance ma spara addosso a Perin. Tre minuti pù tardi Luis Alberto riceve da Lukaku e prova il tiro al volo: blocca ancora Perin. Laxalt segna all'80' ma larbitro Maresca annulla dopo il consulto con il Var per fallo di mani dell'ex Inter. Immobile, finalmente, si fa vedere con un tiro all'85': Perin blocca in due tempi. Laxalt, però, al 92' gela l'Olimpico con un bel gol di testa su assist di Hiljemark.