Roma. Era concentrato (e se lo diceva da solo in un post con foto che lo ritraeva più basìto che assorto), l’allora capogruppo al Senato Danilo Toninelli, poi ministro delle Infrastrutture del primo governo gialloverde, oggi alle prese con il caso Genova – con tensione intragovernativa sulla nomina