Dopo la condanna di Menafort e la confessione di Cohen, Donald Trump non sta passando delle serena giornate.Ma nonostante questo, il presidente americano è convinto, anzi convintissimo di una posizione: “Se venissi posto sotto impeachment, penso che i mercati crollerebbero. Ritengo che tutti sarebbero molto poveri”. Intervistato da Fox and Friends, Trump commenta il periodo che sta affrontando dopo i dazi all’Europa, le critiche per la confessione dell’avvocato Cohen in merito al pagamento di una pornostar per comprare il suo silenzio e la sua linea politica.”Ho sempre avuto controversie nella mia vita, e ho sempre vinto – dice Trump -. Il Paese sta facendo meglio di quanto abbia mai fatto. Peccato che i media non se ne occupino mai di queste cose, preferiscono le sciocchezze”. Donald, poi, passa al tema spinoso e attacca il suo ex legale personale, Michael Cohen, che martedì si è dichiarato colpevole di aver violato la legge sul finanziamento alla campagna elettorale, pagando la pornostar Stormy Daniels e l’ex coniglietta di Playboy Karen McDougal per conto del magnate. “È venuto fuori che non era un buon avvocato, francamente. Io ho saputo dei pagamenti solo dopo che erano stati fatti”, liquida così il presidente americano.Insomma, Cohen lo accusa di essere stato spinto da Trump a violare la legge. E se Donald diventasse oggetto di una procedura d’impeachment? Il presidente ha già la risposta pronta: “Il mercato crollerebbe. Non so come si possa chiedere l’impeachment per qualcuno che ha fatto un ottimo lavoro. Senza questo all’opera – dice indicando il suo cervello- vedreste numeri a cui non potreste credere. Se fosse stata eletta Hillary Clinton avreste avuto dati negativi”.