Al termine del secondo giro di consultazioni, prende la parola un tesissimo Sergio Mattarella. E il Capo dello Stato altro non può fare che certificare il fallimento dei colloqui: nessun governo, ora come ora, è possibile. “Emerge con evidenza che il confronto tra i partiti politici per dar vita a u