La decisione di Silvio Berlusconi di schierare Forza Italia all’interno del Ppe contro la richiesta di imporre sanzioni al partito di Victor Orbán per le accuse di violazione dello stato di diritto ci costringe a ragionare su una domanda importante che in qualche modo riguarda anche il futuro del ce