Arrivano i “nuovi” Tutor per rilevare la velocità

Tutor spenti? No. Per l’estate arriveranno nuovi rivelatori di velocità sulla rete stradale italiana e dunque il passaggio delle auto nel grande esodo vacanziero sarà fortemente monitorato. Ad annunciarlo è stato il prefetto Roberto Sgalla, direttore centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti Speciali della Polizia dello Stato. Sgalla è stato molto chiaro: “Insieme ad Autostrade per l’Italia individueremo quelle tratte che sono più interessate dall’esodo”.La mossa della polizia è legata alla sentenza dello scorso 10 aprile della Corte d’Applelo che ha imposto lo spegnimento dei Tutor per la violazione del brevetto. Di fatto il nuovo rivelatore di velocità sarà molto simile al Tutor e calcolerà i tempi di percorrenza dei veicoli. Sgalla inoltre spera che “la lezione che hanno imparato gli automobilisti di guidare nel rispetto dei limiti possa rimanere”. L’uso dei Tutor ha ridotto in questi anni del 70 per cento il numero di vittime sulla rete autostradele con una diminuzione del 25 per cento della velocità di picco degli automobilisti.