Sul caso-Paolo Romani, si esprime Alessandro Sallusti nel suo editoriale su Il Giornale. Il direttore ricorda come secondo Luigi Di Maio il forzista non sarebbe un nome spendibile per la presidenza del Senato perché ha in corso un processo per peculato. Una vicenda risibile, relativa a un telefonino