Treviso. «Il nostro sogno si chiamava Lorenzo, Sofiya voleva un figlio». Con la voce rotta dal pianto, alla fine del rito, Placido Maugeri rompe il silenzio e ricorda la sua Sofiya